• Lezioni take away,  Materiale didattico,  Mindstorms EV3,  Scienze

    Alla conquista di Marte

    Questo articolo è pensato per essere una lezione fatta e finita. Una lezione “take away“, insomma. Tutto il materiale può essere scaricato e riutilizzato a piacimento, chiedo solo che resti la citazione del sito. Quello che racconto, come sempre, non è la verità assoluta, ma solo il frutto delle mie esperienze con i ragazzi. In breve Indicato per: Scuola Secondaria di Primo Grado Disciplina di riferimento: Scienze Durata: 2 ore Hardware richiesto: LEGO® Mindstorms EV3 + computer/tablet Introduzione La lezione che presento di seguito è stata pensata originariamente per una classe terza della scuola secondaria di primo grado per una lezione di Scienze della durata di 2 ore. Il modulo…

  • Mindstorms EV3,  Recensioni,  Robotica

    LEGO® Mindstorms EV3

    Il robot che ho usato di più in assoluto fino ad ora è il robot della LEGO®, il Mindstorms EV3. E ne sono molto felice. Dopo qualche centinaio di ore di laboratori di robotica utilizzando questo modello, ho elaborato una serie di motivazioni a supporto del LEGO® Mindstorms EV3. Sia chiaro da subito che questa non è una pubblicità LEGO® e che non sono pagata da loro, ma che analizzo pro e contro secondo quella che è la mia esperienza diretta. Le versioni in commercio sono due: una versione disponibile nei negozi di giocattoli (set 31313) e una versione educativa (set 45544). Io lavoro con la versione educativa, ma questo…

  • Blog,  Didattica,  Robotica

    Perché la robotica educativa

    Ogni qualvolta io mi trovi a fare corsi di aggiornamento per gli insegnanti, il primo problema che si pone è sempre il perché portare i robot a scuola. Ammetto che, quando ho cominciato a lavorare con i robot io, il problema non me lo sono posto. Mi hanno messo in mano dei robot, mi hanno mollato delle classi di bambini (alcuni davvero piccoli, mi pare che il record sia stato 6 anni…) e mi pagavano per farlo. Poi mi sono appassionata al tema, ho deciso di farne il mio lavoro e, quindi, mi sono posta questa domanda anche io. E la mia risposta è semplice: perché è divertente, sia per…